Il luglio milanese e una goccia di Sud

di Beatrice Verga



Milano a metà luglio non è solo saracinesche abbassate e canicola insopportabile. Girando per le strade ci si può imbattere in qualche figura che pregusta i piaceri della tintarella sorseggiando un drink ai tavoli di un bar, magari meno pieni del solito. È il regno dei ventilatori sui marciapiedi, una città sospesa tra il deserto di agosto e gli ultimi scampoli di frenesia lavorativa. Capita così di volersi infilare in un cortile, dove c’è una libreria che vuole essere incantevole, e ci riesce benissimo: la Libreria del Mondo Offeso.


Il 12 luglio ha ospitato la presentazione di L’ultima sposa di Palmira, romanzo di Giuseppe Lupo, scrittore lucano candidato al Campiello. La storia di due culture, di due occhi diversi sul mondo: una donna del nord, un’antropologa, l’incarnazione della razionalità, e un falegname-patriarca, cantastorie della sua terra. Tutto nella cornice martoriata di un’immaginaria città di ispirazione calviniana.

Lupo canta la sua adolescenza, soprattutto il terremoto in Irpinia, che ha fatto entrare prepotentemente nella sua vita di diciassettenne la passione per i libri. Canta l’abbraccio di Milano, la città dei sogni che si realizzano, dalla quale, ogni sera, volge lo sguardo verso i suoi luoghi natii, pensando a come renderli protagonisti di pagine che hanno sempre uno sfondo di magico e fantastico.


Ci siamo guardati attorno, e abbiamo visto molte persone sedute nel piccolo locale. Persone che portavano con sé storie non facili, storie di fuga da una realtà difficile, ma sempre e comunque amata. Un po’ di sud nell’estate milanese, in un piccolo angolo di Brera dove si può ancora sognare sedendosi tra scaffali pieni di libri.


Libreria del Mondo Offeso

Corso Giuseppe Garibaldi 50

(Cortile Interno)

20121 Milano

Tel. 02 36 52 07 97 ; Fax. 02 36 52 18 21

Email:

libreriadelmondooffeso@fastwebnet.it

libreriadelmondooffeso@gmail.com

ORARI:
Lunedì CHIUSO
Da Martedì a Sabato 10.00-20.00
Domenica 11.00-13.30/15.00-20.00

Seguila su Facebook

Beatrice Verga