Stralci di Stracceria, Storie di una Via, a Pistoia

Via di Stracceria
Giada Bettazzi
Via di Stracceria

Destinazione Pistoia > Storie raccontate dai partecipanti al Corso IFTS – PRODEST 2018/2019 (PROgettazione, definizione e promozione di piani di DEstinazione e Sviluppo Turistici).


“Una città non è disegnata, semplicemente si fa da sola.
Basta ascoltarla, perché la città è il riflesso di  tante storie.” – Renzo Piano

PISTOIA A mio parere mai citazione fu più adatta a descrivere questa città: “ascoltando” Pistoia ma soprattutto “leggendola”, scopriamo che i pistoiesi hanno “fatto” della propria città un libro aperto di racconti, attribuendo a vie cittadine nomi che parlano di mestieri, rievocano avvenimenti storici o aneddoti di vita quotidiana. Ecco tra i tanti un breve ma tipico esempio: Via di Stracceria.

DSC_0213
Via di Stracceria

Situata nel cuore storico di Pistoia, è la strada che collega via Roma a Piazza della Sala (ad oggi principale area di ritrovo serale e distretto enogastronomico). In epoca comunale, “La Sala” diventò il luogo principale delle attività commerciali della città, vedendo così sorgere lungo i suoi lati numerose botteghe artigiane, i cui caratteristici banchi in pietra, coperti da lunghe tettoie e grandi sporti in legno, sono tutt’oggi visibili (vedi foto). Tra le varie attività che si svilupparono, ci furono anche quelle adibite alla rivendita di tessuti ma dicerie popolari dettero queste l’appellativo di “straccerie”, spacci di “stracci” (ovvero merce di scarsa qualità, a basso costo). Da qui il nome della via!

straccerìa s. f. [der. di straccio]. – 1. non com. Quantità di stracci, o, con senso spreg., di vestiti e altre robe vecchie e più o meno logore. – dal Vocabolario Treccani

Ecco un esempio di come fatti storici o leggende o semplici attitudini della vita sociale abbiano “fatto” la città. Questa via, col suo nome e la sua particolare architettura, si trova solo a Pistoia! Se siete curiosi, venite a vedere coi vostri occhi e ascoltate: fate una passeggiata per il centro e chiedete ai pistoiesi quale storia si nasconde dietro i nomi delle loro strade.