Barcelona Facades: solo “facce” di edifici

@bcnfacades
@barcelonafacades

BARCELONA Le facciate degli edifici sono come le nostre facce. Il volto di un palazzo, grattacielo, casa o fabbrica, è il primo elemento architettonico con il quale possiamo relazionarci. Ma non sempre guardiamo negli occhi i passanti che incontriamo per strada; anzi, con o senza intento, evitiamo spesso il contatto visivo. E così accade con l’architettura: ripetiamo meccanicamente gli stessi percorsi, le vie e le piazze che ci portano a lavoro o a casa, ma se dovessero chiederci che facce hanno gli edifici che ci circondano tutti i giorni, probabilmente non sapremmo cosa dire.

Roc Isern (@stoptheroc) è un architetto appassionato di fotografia. Vive nel capoluogo catalano e da qualche mese condivide su Instagram (@barcelonafacades) i suoi ritratti alle facciate di Barcelona. Certo, non tutte le città del mondo sono così fotogeniche. Ma, come afferma un’antica massima sull’estetica, la bellezza è negli occhi di chi guarda. O – ancor meglio in questo caso – di chi sa vedere.

E noi ci siamo subito innamorati dello sguardo di Roc Isern sull’architettura della sua città. Così lo abbiamo intervistato e nella gallery che segue – grazie alla sua gentile concessione – potete vedere la prima serie dei bellissimi “patterns” pubblicati da @barcelonafacades su Instagram. Sembrano trame di tessuti.

@bcnfacades
[see the GALLERY below]

L’INTERVISTA

Chi è la persona dietro il profilo Instagram @barcelonafacades? Il mio nome è Roc Isern e sono un Architetto Tecnico; nonostante la crisi del settore nel mio paese, questo è il mio attuale lavoro e consiste nella direzione di progetti d’architettura e costruzione. Ciò mi permette di muovermi attraverso il territorio ed esplorare gli angoli della mia città natale. Sono appassionato di fotografia e un fotografo amatoriale. Naturalmente, architettura e design sono un’altra passione, così come tutte le cose relative alle nuove tecnologie e ai gadgets (sono un fanatico). Quando ho scoperto e iniziato ad usare Instagram (inizialmente solo come @stoptheroc), circa un anno fa, mi sono reso conto che era la piattaforma ideale per unire tutti i miei hobby e condividerli con altre persone.

Come hai deciso di iniziare questo progetto fotografico? La parte più visibile e accessibile dell’architettura sono le facciate; e se vengono mostrate attraverso la fotografia con una certa sensibilità e buon gusto, offrono una grande ricompensa. Ho sempre amato i prospetti delle facciate ma quando ho iniziato con Instagram non ero ancora sufficientemente in grado di dominare la tecnica, di scattare ed editare buone foto. In questo tipo di fotografia, la perfezione è essenziale per avere una bella immagine. Dopo aver imparato la tecnica (da autodidatta) e fatto alcune foto, ho deciso di creare un secondo profilo e quindi la galleria Barcelona Facades (@barcelonafacades) su Instagram, cercando di raggruppare tre facciate per volta che stanno bene insieme. Vedo che la mia città mi offre una fonte inesauribile di possibilità, come l’idea per questo progetto. Provo a fare qualcosa di originale, e mi piace anche perché mi permette di camminare in giro per la mia città e scoprire aree che ancora non conoscevo.

Puoi raccontarci un po’ della tua tecnica? Nella mia galleria, alterno foto scattate con l’iPhone 5 e molte altre con una fotocamera Lumix GF1 dotata di un obiettivo grandangolare. Per i prospetti delle facciate, ultimamente sto utilizzando la lente grandangolare perché mi consente di catturare la massima superficie delle facciate con poco spazio davanti (com’è solitamente in molte strade di Barcelona). La tecnica consiste nel catturare l’immagine il più possibile perpendicolarmente alla facciata ed evitare gli ostacoli che si trovano normalmente sulla strada (cavi, alberi, lampioni, etc.). Poi la modifico sul mio iPhone o iPad utilizzando strumenti per correggere la prospettiva e ritagliare. Di solito non uso filtri, solo per correggere alcuni parametri come il contrasto, la luminosità e talvolta un po’ di saturazione. Sono veri colori, non uso VSCO Cam.

Barcelona offre uno scenario urbano molto vario: dal Barrio Gótico a L’Eixample, vediamo epoche distanti e stili diversi. Puoi suggerire alcuni luoghi particolarmente interessanti per gli amanti dell’architettura? Consiglio 3 luoghi di architettura moderna:

1. 22@ – noto anche come Districte de la Innovació (Distretto dell’Innovazione): questo quartiere è ancora in costruzione e il suo centro è Plaça de les Glòries. È il cuore di una rigenerazione urbana iniziata durante gli anni 2000 e tuttora in corso. È un’area dedicata alla creazione di imprese impegnate nell’informazione, comunicazione, ricerca, istruzione, nonché di alloggi sociali. In evidenza: la famosa Torre Agbar di Jean Nouvel, la CMT Building, la Media-Tic Building, il Can Framis Museum, la Facoltà di Comunicazione, la Torre Mediapro e il mercato recentemente inaugurato “Els Encants”.

2. Parc del Fórum e il quartiere Diagonal-Mar: il Parc del Fórum si trova sul lungomare, all’estremità settentrionale della città. Il parco fu costruito per il 2004 Universal Forum of Cultures. In evidenza: la Torre Telefonica, il Forum, la Piastra Fotovoltaica, etc.

3. Fira de Barcelona e Plaça Europa: ​​parte del recente sviluppo urbano de L’Hospitalet, ha un orizzonte distinguibile per i suoi grattacieli, tra i quali spiccano le strutture più alte della città e alcuni progettati da Toyo Ito. È destinato a diventare un centro finanziario. In evidenza: Porta Fira Hotel e Fira de L’Hospitalet di Toyo Ito, Renaissance Barcelona Hotel di Jean Nouvel, Puig Torre di Rafael Moneo, etc.

Abbiamo scoperto il tuo progetto su Instagram: @barcelonafacades. Hai qualche altro profilo social, blog o sito web, che possiamo seguire? In termini di social networks, pur avendo twitter e facebook, non li uso. Per adesso, mi concentro solo su Instagram. E non ho né un sito né un blog.


LA GALLERY

*

Photos by Roc Isern
Follow this project on Instagram:
@barcelonafacades by @stoptheroc

Elena Mazzoni Wagner