PISTOIA, città medievale, cela un fervore contemporaneo. Curiosi di scoprire tutti i luoghi che creano questa particolare forma geometrica sulla mappa della città? Allora seguiteci nella nostra esplorazione urbana, alla ricerca di spazi indipendenti nati per condividere arte contemporanea e creatività, nella Capitale Italiana della Cultura 2017! * Testo & Mappa di Ilenia Vecchio | Grafica di Michele Moricci * #CCTravellers2017

PISTOIA “Devo confessare che, prima di questo viaggio, non avevo mai sentito parlare di Pistoia, ma ero comunque ansiosa di conoscere le sue bontà e bellezze. Con sorpresa e immenso piacere, ho scoperto tantissimi luoghi dove celebrare veramente il cibo, la tradizione e il tempo, come non avevo mai fatto prima.” Una storia molto appassionata di Miriam Figueras, illustratrice di Barcellona. #CCTravellers2017

PISTOIA, fine estate 2017. Strade e piazze, chiese e santi, persone e biciclette, luci e ombre, affreschi e facciate a righe, tanti alberi e un ponte sospeso in mezzo a piccole montagne. Momenti catturati attraverso la fotografia mobile, a colori. E momenti catturati attraverso la fotografia analogica (sì, pellicole sviluppate poi in casa), in bianco e nero. Sfoglia la gallery di Andrea Lavezzaro! #CCTravellers2017

PISTOIA rurale, ingegnosa, accogliente, poetica. Il viaggio di Valentina Miozzo [del blog sul turismo sostenibile “Viaggiare Libera”] & Mirco Malerba [@happylunedi] nella capitale italiana della cultura 2017 è una scoperta tra i boschi che abbracciano la città: antiche ghiacciaie e ferriere, il ponte sospeso che per molto tempo è stato il più lungo al mondo, Orsigna e l’Albero con gli occhi di Tiziano Terzani ma soprattutto i suoi abitanti. Grazie di cuore all’Ecomuseo della montagna pistoiese e a tutte le persone che ci hanno aiutato ad ospitare in modo speciale questi nostri #CCTravellers2017, in città e sui monti! Grazie, CCTeam

PISTOIA e la Musica. Un viaggio a tre tappe: un festival Jazz nel borgo di Serravalle; un museo di percussioni da tutto il mondo, con una collezione che vanta strumenti suonati da musicisti come Puccini e Verdi fino ai The Rolling Stones; e poi un laboratorio di arte sonora dove si inventano strumenti per tutti, anche per chi non sa suonare, e tra i quali spicca un tamburo che imita perfettamente le onde del Mar Mediterraneo. Ecco il racconto di Eleonora Tricarico, ovvero TricaricOvunque! • #CCTravellers2017