Un Italien en Belgique: Una nuova casa

Michele Moricci | THE BRUXELLES DIARIES – THE ART WALK

Buildings in Place Fointainas

BRUXELLES Sono arrivato a Bruxelles seguendo l’amore per Giovanni e il sogno di mettermi alla prova stando qualche mese lontano dalla mia amata Firenze… Nei primi giorni abbiamo abitato a pochi passi da Schuman, l’area dove vengono prese le più importanti decisioni sul futuro incerto dell’Europa, Etterbeek precisamente. I 19 comuni di Bruxelles sono così ampi che ad esempio quello di Etterbeek è diviso in zona ricca e in zona povera. Noi siamo capitati nella zona più elegante, fatta di piccole casine dall’architettura un po’ bohemien in stile francese e caratteri un po’ gotici tipicamente Olandesi.

Outside Apt Place Fontainas

La pioggia bagnava spesso le strade piastrellate del centro mentre noi saltavamo da una metro all’altra in cerca di una casa dove trascorrere l’estate. I Belgi hanno un senso estetico poco sensibile al contesto. La città è talmente abituata alle diversità sociali e architettoniche, che la Boutique di Bulgari sorge esattamente davanti ad un benzinaio. E per noi non è stato facile trovare un appartamento che al suo interno non sembrasse una piccola stalla. Ma prima che rimanessimo per strada, la fortuna ci bacia: visitiamo un posto delizioso in Place Fontainas a pochi passi dalla Grand Place e dall’insidiosa Gare Du Midi. 

Saint Jaques

Firmato il contratto e versata la caparra ci ritroviamo ad abitare a Saint Jaques, pittoresco e colorato quartiere gay. Da sempre connotato anche come quartiere dei mestieri, è stata la casa dei pellegrini ed oggi resta un esempio interessante di architettura barocca-ispanica, proprio nel centro della città tra chiccose boutique, restò e cafè alla francese. Per me, artistoide e innamorato della moda, è il posto perfetto dove iniziare questa avventura.

The Living – Home

Michele Moricci