PRATO, 9 Novembre 2017. Qui tutte le storie condivise su Instagram dai partecipanti al CCTour with USE-IT Prato | WORKSHOP to map and share stories. Un laboratorio di storytelling per la promozione del territorio, parte dell’evento gratuito “Prato Glocal: un giorno per esplorare e raccontare la città al mondo!” – promosso dal Comune di Prato in ambito del progetto “Spirit Youth” co-finanziato dall’Unione Europea. A cura di CCT-SeeCity & CUT – Circuito Urbano Temporaneo con la partecipazione di USE-IT Prato + Visit Prato + Igers Prato & Igers Pistoia + Officina Giovani & Spazio Quilombo + Città di Prato! GRAZIE di cuore a tutti i partecipanti!!! #CCTourUSEitPrato

PRATO An adventure realised thanks to the third edition of TAI – Tuscan Art Industry, among abandoned factories and factories converted into cultural spaces, following the river, from the old city centre of Prato to the Bisenzio Valley. In our pocket, the Industrial Heritage Map! In our hands, a sketchbook and some colours… #CCTravellers for TAI 2017

PRATO Evento gratuito e aperto a tutti, soprattutto ai cittadini e viaggiatori più curiosi! Promosso dal Comune di Prato in ambito del progetto “Spirit Youth” co-finanziato dall’Unione Europea. A cura di CCT-SeeCity & CUT – Circuito Urbano Temporaneo​ con la partecipazione di USE-IT Prato​ + Visit Prato​ + Igers Prato​ & Igers Pistoia​ + Officina Giovani & Quilombo​ + Città di Prato​! #SeeCity #PratoGlocal #CCTourUSEitPrato

PRATO Ci piace tantissimo questa frase di Jane Jacobs: “Old ideas can sometimes use new buildings. New ideas must use old buildings.” – tradotta in Italiano: “Le vecchie idee possono talvolta utilizzare nuovi edifici. Le nuove idee devono utilizzare vecchi edifici.” – e ci è tornata in mente lo scorso weekend, a Prato, dove abbiamo scoperto che esiste un gruppo di attiviste (ci piace chiamarle così e ci piace pure che siano quattro giovani donne) che utilizza le vecchie fabbriche della città, in particolare quelle in stato di abbandono, per coinvolgere la comunità in un dialogo e confronto tra storia e presente, attraverso linguaggi contemporanei e universali (come l’arte) che possono attrarre un pubblico anche da lontano, e immaginare per questi luoghi, oggi in disuso, una nuova vita, un futuro. #CCTravellers for TAI 2017

PRATO “In Val di Bisenzio c’è un’astronave. L’ha usata Luca per andare su Marte e salvare la sua ragazza. Peccato che la sua ragazza-androide, una volta tornata in vita, gli abbia sparato in faccia. Sono Luca e Patrizio del collettivo John Snellinberg a mostrarmela mentre dorme in un garage sotto una coperta, in attesa del prossimo volo interplanetario.” Un’altra storia (vera) di Chiara Grondana, un altro viaggio per i confini della città. #CCTravellers2016

PRATO e Val di Bisenzio, Toscana, Italia. Qui, per la terza edizione di TAI – Tuscan Art Industry | progetto a cura di SC17, alcuni creativi della nostra community esploreranno e racconteranno “itinerari del contemporaneo nell’archeologia industriale” studiati e proposti dal programma di questo evento speciale che si articola in tre parti [dal 3 Ottobre al 12 Novembre 2017]. TUTTE LE INFO IN QUESTO POST! * Chi saranno i nostri inviati? Seguiteci sui social, lo sveleremo più avanti! Hashtag: #CCTravellers e come sempre #SeeCity 😉

PISTOIA Comò Mag. tells stories through a direct contact with people. It finds inspiration in those who dedicate time to their passions. For this reason, during the experience as CCTravellers, it has decided to dwell on who the city lives every day in a curious and creative way: “We’ve been immersed for three days in Pistoia’s life and now our drawers are full of new stories to share. We invite you to our journey, made up of faces and words, those of the beautiful people we met.”

PISTOIA, ITALIA. Avremmo voluto pubblicarlo un mese fa, subito dopo la presentazione del suo libro, e invece – con l’arrivo dei primissimi #CCTravellers2017 – il nostro telefono tuttofare, intelligente e sensibile, è praticamente impazzito di gioia e svenuto dall’emozione… Per fortuna si è ripreso e siamo riusciti finalmente a recuperare il video messaggio del nostro primo ospite speciale: il giornalista Emilio Casalini. Un messaggio ai CCTravellers ma anche – e forse soprattutto – alla città. O meglio, al nostro bel paese.