India e Africa Orientale nelle foto di Zarina

001

Ilenia Bit

LONDON Le pareti diventano emozioni, testimoni di fatti amore sentimento rancore frustrazione rabbia. Fotografie insomma.

Oggi noi di CCT vogliamo segnalarvi un’interessante mostra filmo-fotografica che terrà alta l’attenzione e probabilmente toccherà qualche corda dell’anima. Whitechapel Gallery – fino al 9 marzo 2012 – (direi quindi che potete affrettarvi). Si tratta dell’artista Zarina Bhimji, regista e fotografa ugando-asiatica, classe 1963, londinese di adozione accademica e in lizza per il Turner Prize 2007. Questa sua prima mostra importante ripercorre i suoi 25 anni di lavoro e si apre con la presentazione del suo short-film Patch Yellow (2011): immagini evocative, a rallentatore, di palazzi abbandonati e uffici coloniali a Mumbai cedono il passo a interpretazioni del deserto e del mare il tutto accompagnato da un sound design a dir poco sorprendente, minimale, toccante, riverberoso, nervoso, stanco insomma soprendente.

Le foto? Realismo magico. Focus del lavoro di Zarina è lo studio dell’archeologia del luogo (io oserei definirlo anche introspezione): edifici e paesaggi di India e Africa Orientale infestati dalle storie delle persone che abitano quelle terre. Questo è il fil rouge. Verità pungenti, toccate da poesia. In 25 anni.

This SimpleViewer gallery requires Macromedia Flash. Please open this post in your browser or get Macromedia Flash here.
This is a WPSimpleViewerGallery

Full Screen

Poi, insomma, la Whitechapel Gallery merita, se non altro per il coraggio di mettere a disposizione l’arte e le emozioni ad un prezzo modico. In questo caso, gratuitamente! Warmly recommended. Parola di Ilenia Bit.