PISTOIA Nel centro storico c’è un posticino dimenticato persino dai pistoiesi e poi, da luglio 2018, tornato a nuova vita: la Piazzetta Sant’Atto ed il Vicolo dei Bacchettoni. Un angolo di città nascosto, al quale si accede da una volta adiacente al loggiato della Chiesa di San Leone situata nell’omonima piazza. Sotto la volta a sinistra, la scritta “Art changes everything” (L’arte cambia ogni cosa) incuriosisce e preannuncia qualcosa di magico che, dopo pochi passi, si aprirà alla nostra vista.

PISTOIA Vi avevamo largamente anticipato l’apertura di questo nuovo spazio. Quando la nostra Ilenia, più di un anno fa ormai, ha mappato “il triangolo (o quadrilatero) dell’arte contemporanea” in città, avevamo già incluso anche VIABUONFANTI42. Allora il progetto era ancora un cantiere e si chiamava EXTI, in ricordo della storica Tipografia Bugiani di cui è stato magnificamente recuperato il bellissimo edificio. Bene, il nome è cambiato con quello dell’indirizzo in cui si trova (scritto tutto attaccato) ma l’idea è rimasta la stessa: essere un luogo ibrido, dedicato alla promozione della cultura contemporanea.

PISTOIA Per chi ama farsi incantare non solo dalle bellezze architettoniche e artistiche della città ma anche dalle sue storie più curiose e insolite, io consiglio sempre di esplorare il centro storico a testa in su! Perché? Pistoia è nota per avere e conservare da secoli una toponomastica alquanto bizzarra. Ecco un esempio che ci affascina in modo particolare!

PISTOIA è una città che più di altre si è divertita nel corso dei secoli a dar nomi originali, bizzarri e stravaganti, a strade, vie e vicoli. Ad esempio: chi conosce la storia del cane bianco?! e chi ha mai notato il bassorilievo in pietra che ritrae, all’inizio di Via Can Bianco, questo curioso eroe locale?! 🙂

Palermo3605

PALERMO ispira. Lo scrittore John Muir disse: “In ogni passeggiata a contatto con la natura si riceve molto più di ciò che si cerca”. E questo è cosa Ana y Marta – due creative (sorelle) dalla Spagna, parte del progetto #CCTravellers2018 – hanno trovato durante la loro passeggiata nell’Orto Botanico di Palermo. Per voi, per ispirarvi, una storia visiva. #SeeCity

Cinque luoghi da non perdere a Bologna

BOLOGNA Quando si pensa al capoluogo emiliano, vengono subito in mente le famose due Torri, Piazza Maggiore e i Tortellini. Ma il centro storico è uno scrigno che racchiude numerose perle, luoghi di bellezza, arte, musica o anche solo caratteristici della vita cittadina. Ecco per voi cinque luoghi speciali da visitare, fortemente consigliati dalla redazione locale di Bologna.BO!