Il viaggio di PHOS Project, direzione Stelle!

PHOS LOGO

Elena Mazzoni Wagner

PISA-KIRUNA | Il viaggio di PHOS Project | #1

PHOS LOGOCCT è stato invitato a bordo di un razzo, direzione Stelle! Di certo non potevamo rifiutare l’occasione, più unica che rara, di fare un viaggio verso l’Infinito. Ma prima di vedere lo Spazio, seguiremo la progettazione del nostro mezzo di trasporto. Come? Seguendo le tappe del giovane team Italiano che è stato selezionato dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) per realizzare un proprio esperimento, nominato “PHOS Project“. Almeno una volta al mese, da qui a marzo 2015, vi parleremo della loro esperienza: dai laboratori dell’Università di Pisa ai meeting internazionali in Europa, fino ad arrivare all’Esrange Space Center (SSC), centro di ricerca spaziale fuori Kiruna, la città più settentrionale della Svezia, dove avverrà il lancio del razzo!

Kiruna, a nord del circolo polare artico, sorge sull’altura di Haukivaara e costituisce l’area più vasta e abitata in Lapponia, con circa 20.000 abitanti. È da questa città, o meglio dalla sua periferia, che partiremo finalmente per l’Universo! Prima però vogliamo conoscere l’equipaggio, il PHOS Team. Siamo quindi andati all’Università di Pisa per incontrare intanto il Project Manager, Gian Marco Guidi (classe ’87), e sapere com’è nata l’idea di questo speciale viaggio…

PHOS Team GM GuidiGian Marco, ci spieghi come te e i tuoi colleghi, studenti universitari, siete riusciti a partecipare al programma REXUS/BEXUS di ESA? Ogni anno, l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), in particolare il ramo EDUCATION, in collaborazione con il German Aerospace Center e lo Swedish National Space Board, offre la possibilità, agli studenti di tutte le nazioni appartenenti alla comunità europea, di partecipare al programma REXUS/BEXUS (Rocket and Balloon Experiments for University Students). Ad ottobre 2013, abbiamo inviato la nostra candidatura ed eccoci qua.

E come funziona? Il programma prevede varie fasi e scadenze. A inizio settembre di ogni anno viene indetto quello che si chiama “Call for Proposals”. Entro metà ottobre, i team di studenti interessati devono compilare e inoltrare la domanda agli esaminatori di ESA. Se si è accettati, dopo la prima revisione, si viene invitati in Olanda presso la sede di ESA/ESTEC a Noordwijk. Qui avviene il SELECTION WORKSHOP: i team pre-selezionati, provenienti da tutta Europa, presentano le proprie idee agli esaminatori. È qui che si decide chi riuscirà a guadagnarsi “un po’ di spazio” a bordo (o del razzo sonda o del pallone aerostatico). Ed è qui, perciò, che anche noi abbiamo presentato la nostra idea, al Selection Workshop che si è tenuto dal 3 al 5 dicembre 2013 (vedi FOTO). Quindi, siamo stati ufficialmente selezionati.


In seguito, spiegheremo (in modo comprensibile a tutti!) l’esperimento che avete proposto e dovete realizzare. Ma qual è lo scopo generale del programma? Lo scopo principale è insegnare agli studenti d’ingegneria, interessati al settore spaziale, come organizzare e portare a termine un progetto rispettando standard e scadenze ufficiali. L’aspetto più interessante è che ci permette di montare un esperimento, pensato ed ideato da noi in collaborazione con i nostri professori, a bordo o di un razzo sonda (come nel nostro caso) o di un pallone aerostatico, e di testarlo in condizioni differenti da quelle che si trovano a terra, cioè in condizioni di “assenza di gravità”.


Dove e quando è previsto il lancio? Il lancio del razzo avverrà a Kiruna, in Svezia, a marzo 2015. Ci recheremo lì già a marzo 2014, dove gli esperti di tutte le organizzazioni partecipanti valuteranno il nostro “disegno preliminare”. Questa scadenza è chiamata PDR ovvero Preliminary Design Review. Oltre ad essere molto formativo a livello professionale e tecnico, parlandoci sinceramente… sarà una gran “ficata” passare una settimana al circolo polare artico!

Nel prossimo post, presenteremo ogni giovane membro del PHOS Team. Ci dici intanto chi siete? Siamo un gruppo di studenti provenienti da varie facoltà dell’Università di Pisa, supportati dal Dipartimento dell’Energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni (DESTEC) e in collaborazione con l’Università di Bergamo. Ci tengo a precisare che siamo l’unico team italiano selezionato, nonostante siano state presentate altre valide molto idee. E aggiungo che siamo alla continua ricerca di studenti interessati ad aiutarci, volenterosi di imparare insieme a noi.

Per adesso, ecco tutti i nomi e cognomi del nostro Team e dei Professori che ci supportano.

TEAM:
– Gian Marco Guidi | Ingegneria Aerospaziale
– Federico Belfi | Ingegneria Energetica
– Giorgiomaria Cicero | Ingegneria Informatica
– Francesco Creatini | Ingegneria Aerospaziale
– Giulia Orlandini | Ingegneria Aerospaziale
– Nicolò Morganti | Ingegneria Nucleare e della sicurezza
– Stefano Piacquadio | Ingegneria Aerospaziale
– Simone Fontanesi | Ingegneria Elettronica
– Michele Rognini | Ingegneria Elettronica
– Alessandro Frigerio | Ingegneria Elettronica
– Pietro Nannipieri | Ingegneria Elettronica

PROFESSORI A SUPPORTO:
– Prof. Ing. Sauro Filippeschi | DESTEC
– Prof. Ing Paolo di Marco | DESTEC
– Prof. Marco Marengo | Università di Bergamo
– Prof. Luca Fanucci | Università di Pisa

PHOS Team

Infine, LA DOMANDA PIÙ IMPORTANTE: pensi che sarà possibile attaccare un nostro adesivo (CCT-Sticker) sul vostro razzo? Come sai, ESA è un’agenzia internazionale molto prestigiosa… ma del resto noi siamo Italiani… e quindi, troveremo anche il modo di portare CCT lassù con noi!

Bene, noi ci contiamo! Buon lavoro al PHOS Team e buon viaggio a tutti coloro che seguiranno questo diario di bordo!

PHOS-banner

PHOS Project

Site: phosproject.com | Facebook: PHOS Project | Twitter: @phos_team | YouTube: PHOS Channel