Uova in camicia

uova-in-camicia

Margherita Vitellozzi

A me hanno sempre insegnato che quando si comincia qualcosa di nuovo, è sempre bene iniziare dalle cose più semplici. E allora, – dato che da oggi parte una collaborazione con CCT tutta dedicata al cibo – in questo caso, desidero iniziare con l’elogio ad un ingrediente tanto semplice quanto fondamentale, in tutto il mondo: l’UOVO.

Ebbene sì, oggi voglio elogiarlo, elevarlo a grande sommità, e confidarvi che nel mio frigorifero non può MAI mancare (assolutamente mai, mai e poi mai). Perché con l’uovo si fa proprio di tutto: pensate solo ai dolci, difficile avere in mente un goloso dessert senza uova; ma pensate anche alla frittata dell’ultimo minuto, cucinata di fretta quella sera in cui capita di tornare a casa troppo tardi; o ancora, alla pasta fatta in casa dalla nonna o dalla mamma, la domenica mattina. E per chi non lo sapesse, posso dirvi ancora di più: l’uovo ha ottimi valori nutrizionali ed è altamente raccomandato all’interno di una sana dieta.

uova-in-camicia

Esistono infinite ricette, semplici o complesse, a base di uovo. Antipasti, primi, secondi, dolci… Ma qui voglio parlarvi di uno dei modi più facili e veloci per cucinarlo. Io amo farlo IN CAMICIA: quando l’albume si solidifica abbracciando il suo cuore giallo che all’interno rimane liquido, il gioco è fatto.

Ecco come lo preparo: prendo un pentolino, lo riempio con acqua fredda e lo metto su fuoco vivace. Nel frattempo rompo un uovo in una ciotolina, con attenzione, in modo che il tuorlo non si rompa. Quando l’acqua bolle, abbasso un po’ il fuoco, metto un pizzico di sale e aggiungo un cucchiaio di aceto (questo passaggio è fondamentale perché fa in modo che si crei la condensa). A questo punto, con un cucchiaio inizio a girare forte in senso orario l’acqua, fino a che non si crea un vortice. Prendo la mia ciotolina con l’uovo e lo butto dentro l’acqua. Continuo a girare per un paio minuti mentre l’albume pian piano diventa bianco. Quando è pronto lo sollevo e lo adagio con delicatezza sul piatto. Facile e veloce, no? Per completare tutto alla perfezione vi consiglio di servirlo sopra ad una vellutata di verdure di stagione. L’uovo ama stare in compagnia.

A domenica prossima cari CCTzens & Friends,
Margherita

Margherita Vitellozzi