“Progetto Cibo. La forma del gusto” @ Mart

Paul

CCTeam

ROVERETO (TRENTO) Il Mart – museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto – ha inaugurato (lo scorso 8 febbraio 2013) Progetto Cibo. La forma del gusto: un originale percorso espositivo dedicato all’architettura e al design del cibo, tra creatività e produzione industriale. In calendario anche una serie di eventi da assaggiare!

Dal 9 febbraio al 2 giugno 2013, potete visitare la mostra – progetto site-specific realizzato per il Mart dal catalano ex-designer (così lui si definisce) Martí Guixé (nato a Barcelona nel 1964) – e dal 13 febbraio al 22 maggio potete anche partecipare ai Mart Cooking (9 serate di show-cooking nelle sale espositive del museo con degustazione finale; 40 posti, prenotazione obbligatoria; mostra + mart cooking, 7€ / + degustazione, 30€/25€ per Amici del Museo e minori di 14 anni).

A “Progetto Cibo” partecipano quindi grandi architetti/designers internazionali (tra cui Enrico Azzimonti, Bompas&Parr, Achille Castiglioni, Lorenzo Damiani, FormaFantasma, Giorgetto Giugiaro, Marti Guixé, Giulio Iachetti, Alessandro Mendini, Alkesh Parmar, Gaetano Pesce, Diego Ramos, Philippe Starck) così come grandi chef (tra cui Gualtiero Marchesi, Bruno Barbieri, Massimo Bottura, Antonio Canavacciuolo, Carlo Cracco, Daniel Facen, Davide Oldani, Davide Scabin).

Sappiamo come i “food architects” si divertano a inventare bizzare forme e nuove funzioni. La vera sfida è saper creare un equilibrio intelligente tra la creazione estetica e l’arte della cucina. E l’importante è avere sempre buon gusto. Tra i bizzarri prodotti in esposizione, le gelatine che riproducono St Paul’s Cathedral a Londra di Bompas & Parr, la “Bread Palette” (fetta biscottata a forma di tavolozza) di Ryohei Yoshiyuki o lo “Speculoos” di Delphine Huguet, biscotto che si adatta alla tazzina da caffè. E poi i gioielli di cioccolato di Barbara Uderzo, i servizi da tavola di pane di FormaFantasma e il “Decafè” di Raúl Laurí Pla (vincitore del SaloneSatellite 2012 a Milano). Singolari esempi di oggetti di design che alludono al cibo, sono invece la “Cioccolator” di Alessandro Mendini, calcolatrice a forma di tavoletta di cioccolato, e i “Popsicles” di Putput, spugne sagomate come ghiaccioli.

Se non avete modo di visitare “Progetto Cibo” o se volete curiosare un po’ prima di muovervi, potete comunque sbirciare sulla bacheca Pinterest del Mart e scoprire tante storie conservate dall’Archivio del ‘900 del Museo, attraverso altrettante foto inedite pubblicate invece su tumblr.

In ogni caso, anche se mangerete solo con gli occhi, Bon Appetit!