Shop in London: un po’ di Notting Hill a Roma

Beatrice Verga

LONDON Anzi, no. Aspettate. Ricominciamo. ROMA Avete presente Notting Hill? Portobello Road? Magari di sabato, quando c’è il mercato? Sì sì, lo so che parlo ancora di Londra! Un secondo, ora vi spiego. Voi avete presente quei banchi e negozietti graziosi che vendono vestiti con fantasie minuscole o pizzo, accessori retrò e fronzoli vari che sono inconfondibilmente e tremendamente british? Ecco, chi di voi – se amate lo stile, inteso – ha mai desiderato di trovare nella sua città, magari in Italia, un solo angolo di quel mondo da favola inglese? Bene, voi dovete sapere che a Roma ne esiste uno. E che, essendo una realtà itinerante e pure online, può rendere felici tutte le romantiche amanti di Albione, anche chi non vive nella capitale italiana.

Di cosa sto parlando? Di un e-commerce che vende abbigliamento femminile very british e va a giro per fiere, eventi e mercati particolari (principalmente a Roma ma anche in altre città come Milano). Shop in London è nato tre anni fa – da Carolina Paleari e Stefano Squillante – ma è già un nome famoso tra i giovani del capoluogo romano, che non si perdono nessun appuntamento del calendario dei mercati rionali, restando sempre aggiornati attraverso la pagina facebook. 

Shop in London, in poco tempo, è riuscito a guadagnarsi una considerevole posizione nel territorio romano (della moda), diventando un nome estremamente riconoscibile. Come si può trasformare un’idea semplice come questa di vendere online vestiti di un certo stile in un business di successo? Per saperne qualcosa di più, ho fatto quattro chiacchiere con Carolina, nata a Roma 26 anni fa. Carolina Paleari e Stefano Squillante sono una coppia nel lavoro e nella vita: si sono incontrati quattro anni fa e dall’amore è nata anche la voglia di lavorare assieme. Vediamo. 

Carolina, come e quando nasce Shop in London? Shop in London è nato nel marzo 2010 dall’iniziativa mia e di Stefano. Ci eravamo trasferiti a Londra alla ricerca di nuovi stimoli e nuove idee. Curiosando tra i mercatini della capitale inglese è impossibile non accorgersi del particolare stile di alcuni vestiti, che connotano in maniera profonda il look di chi vive a Londra, soprattutto delle ragazze. Da lì è nata l’idea di rivenderli in Italia, in modo da portare anche da noi questi oufit così particolari, e soprattutto molto economici.

Quali sono le maggiori difficoltà che avete incontrato in questo vostro percorso? Sicuramente non poche, dal momento che il contesto economico italiano ed europeo è chiaramente poco sereno. Noi sentiamo molto la concorrenza di altri marchi, ma pensiamo di avere delle carte vincenti, ovvero quella di proporre vestiti a buon prezzo, e quella di utilizzare in ogni aspetto dell’attività un forte livello di creatività.

Cosa farà da grande Shop in London? In futuro speriamo di avere più negozi fisici sparsi per l’Italia: attualmente il nostro canale di vendita principale è il web (affiancato agli eventi nei mercati rionali in giro per Roma e per l’Italia), perché non possiamo permetterci l’affitto di uno spazio.

Questa giovane e frizzante iniziativa imprenditoriale – che ce la sta facendo alla grande! – vuole importare in Italia quello che è uno degli aspetti più apprezzati e imitati del british life style, ovvero il gusto per la moda. Se vi siete persi qualcosa l’ultima volta che avete fatto shopping a Portobello Market, potete fare un giro al prossimo corner di Shop in London… Quando e dove sarà? Per la risposta – oppure per darvi allo shopping online – visitate il sito ufficiale e seguite la pagina facebook di Shop in London!

Beatrice Verga