Justabit, due dj nell’era dei clic.

justabit-imm21

Luisa Lenzi

Il web unisce e divide. Nel corso del 21esimo secolo si è affermato come il luogo di incontro/scontro per eccellenza. E in questa terra, fertile di idee e curiosità, in continua evoluzione, si sono incontrati anche due dj che vivono in due diverse città italiane. È  bastato un semplice commento su un sito web di mixtape per gettare le basi di un nuovo gruppo.

Loro sono i Justabit: LUCHI (Luca Guarducci) e Earwego (Nazzareno Giannelli), il primo toscano di Pistoia e l’altro romagnolo di Forlì. Con uno stile che ricalca molto la disco francese, nelle loro tracce c’è sempre un richiamo al funky degli anni ’70 e all’elettronica anni ’80. Samples, campionamenti e sintetizzatori sono le “armi preferite” dal giovane duo.

Come vi siete conosciuti di preciso? Navigando sui social network musicali (Last.fm, SoundCloud, Bandcamp) ascolti un’infinità di generi, conosci tantissime persone e artisti e, cosa importantissima, aumenti le conoscenze musicali. La nostra conoscenza prima e collaborazione poi è nata proprio da uno di questi social network.

Quando ha preso forma concreta Justabit? Anche se non c’è una data di nascita precisa, possiamo dire che il progetto ha preso forma verso gli inizi del gennaio 2012. Avevamo una gran voglia di far musica per cui ci siamo catapultati in questa avventura. Quando sei alle prime armi le cose avvengono in modo spontaneo, inizialmente senza un obiettivo preciso.

Perché avete scelto il nome Justabit? Justabit anche perchè bit può essere inteso come unità base per quel che riguarda il computer, quindi “solo un po’” e “solo un bit” si combinavano. In realtà il vero significato può essere descritto come piccole dosi di generi che si miscelano tra di loro in maniera uniforme, creando un suono definito.

Come lavorate di solito? Lavoriamo quasi esclusivamente ognuno a casa propria, ci passiamo i progetti via Dropbox. Invece per quanto riguarda il remix di “Spilling Memories” l’abbiamo affidato ad un ragazzo del veneto molto promettente, Alberto Pagnin alias Viceversa.

Ecco infatti la nascita del primo singolo “Salsedine” uscito a fine primavera, giusto in tempo per l’estate, una traccia fresca e dal “profumo” di mare. Il singolo ha avuto un buon riscontro tant’è che è stato usato come traccia finale della sfilata del brand Leitmotiv (dei geniali stilisti Fabio Sasso e Juan Caro) alla settimana della moda di Berlino (Berlin Fashion Week) (dal minuto 5.50).

Sono usciti poi altri 2 brani “Spilling Memories”, di cui è stato fatto anche un remix (vedi sopra) e “Is It You”. Infine il 2 agosto è uscito su Soundcloud l’EP completo Salsedine scaricabile gratuitamente.

E adesso? A cosa stanno lavorando i Justabit e dove vogliono arrivare? Attualmente stiamo lavorando su un nuovo EP che uscirà con molta probabilità entro fine anno. Il nostro primo obiettivo è quello di iniziare a fare delle serate assieme, purtroppo abitando in città diverse non è molto fattibile per il momento ma ci stiamo lavorando. Per ora ci dedichiamo solo a produzioni nelle nostre bedroom dj. In futuro, beh, chissà.

Intanto ce li gustiamo in streaming, in questo scampolo d’estate. Per sentire ancora un po’ di “salsedine” sulla pelle.

SoundCloud: justabitofmusic | Facebook: Justabit

Luisa Lenzi