REGARDE LE CIEL (guarda il cielo)

001

Elena Mazzoni Wagner

Da anni le strade spagnole, a partire da Barcelona, ripetono che “La belleza es tu cabeza” (la bellezza è la tua testa). CCT ne aveva parlato in un articolo (leggi qui). Da un po’ di tempo anche quelle francesi, soprattutto nella capitale, hanno qualcosa da dire: “Regarde le ciel” (guarda il cielo). Questa scritta sta invadendo la città: sui muri oppure in terra, sulle strisce pedonali, invita il passante ad alzare lo sguardo. Sappiamo bene come, in particolare nelle metropoli, le persone siano abituate a camminare con gli occhi puntati verso il basso e ad avere la mente altrove, impegnata nei soliti affari quotidiani: lavoro, scuola, casa, famiglia, spesa, esami, salario, etc. etc. E così dimentichiamo di avere il cielo sopra la testa e ammirare le bellezze del mondo (che possiamo vedere senza dover pagare). Nella routine quotidiana, il cielo non è mai uguale a se stesso e quella meraviglia di colori chiari o scuri sono un dono infinito.

Per il momento non sappiamo chi sia l’autore o chi siano gli autori (come nel caso della “Belleza”). Su facebook però esiste una pagina in cui vengono postate via via nuove foto che ritraggono la frase nei diversi luoghi e il nome francese di questa pagina ha una traduzione in lingua rumena. Infatti alcune foto mostrano la scritta anche in rumeno “priveste cerul”. Può essere un indizio… ma poi non si sa altro. Se vi capita di fare qualche scatto mentre siete in Francia o altrove – queste cose sono virali, si diffondono in fretta e ovunque (la pagina facebook segna come località: all around eARTh) – potete condividerlo qui.

Anche questa – come la sorella spagnola – è una vera campagna che in forma gentile provoca il passante intento a camminare, fissando magari le sue scarpe, e gli ricorda che il cielo è suo ed è sempre lì. Paris, romantica anche nella street art.

Qui una selezione di foto che ritraggono solo una piccola parte del fenomeno, scattate soprattutto a Paris:

Se volete contribuire alla raccolta fotografica, seguite la pagina Facebook
“Regarde le ciel (priveste cerul)”

Elena Mazzoni Wagner