‘A porte chiuse’. Una dramma-coreografia

image_9-2

Elena M. Wagner

PISTOIA Ines, Estella e Garcin. Due donne e un uomo spediti all’inferno: una stanza con una sola porta, chiusa, e all’interno tre sedie. Qui le persone si incontrano e scontrano per la prima volta. Hanno storie diverse ma anche qualcosa in comune: la ragione per cui sono lì a condividere quel vuoto. Nessuno strumento di tortura, diversamente da quanto si aspettavano, e per un attimo si credono salvi. Ma la sofferenza non si fa attendere e presto si accorgono di quanto sia feroce l’espiazione: inizia una lenta e crudele presa di coscienza della propria colpa ed ecco che il dramma personale di ciascuno viene allo scoperto. Ecco il vero inferno: è tutto nella loro mente, è un dolore eterno che si consuma nella loro psiche.

“A porte chiuse” di Jean-Paul Sartre è l’opera teatrale che il 31 Marzo 2012 (alle ore 21.00) concluderà la VII edizione di Universo Arte Danza Festival al Teatro Manzoni. Una rappresentazione del tutto originale che si fonde con la disciplina della danza: precisamente con il Tango Argentino (su musiche di Astor Piazzolla, René Aubry, Gothan Project) che con i suoi ritmi passionali e accattivanti è ideale per esprimere l’angoscia e disperazione dei personaggi, soprattutto quando il dolore li rende muti. Nel momento in cui sono impediti nel parlare, il corpo si ribella e libera il suo linguaggio. Da questa esigenza ed esperimento, nasce una nuova ricerca teatrale che unisce diverse arti e le sintetizza in un unico stile espressivo. Una Dramma-Coreografia, nuovo genere di danza e prosa, in omaggio a “Huis clos” – titolo originale di “A porte chiuse” – (1944), a cura della Compagnia Incontroverso, nuovo gruppo emergente nato da una fusione tra cultura teatrale italiana ed armena, composto da giovani e preparati performer. Protagonisti: Marine Galstyan, che firma anche la regia, Sergis Galstyan e Francesca Nerozzi. La composizione del brano che apre lo spettacolo è stata affidata a due maestri compositori pistoiesi: Sandro Bartolozzi, dalla quarantennale carriera in ambito musicale e Stefano Carpi, giovane promessa emergente, con già alcuni brani presenti nella compilation di fama mondiale “Café del Mar”.

PREVENDITE:
presso la Biglietteria del Teatro Manzoni
(tel. 0573/991609 – 27112)
nei consueti orari di apertura:
mart./giov.: 16-19, ven. e sab. 11-13 e 16-19.
Previste riduzioni per le scuole di danza.
Biglietto singola serata posto unico numerato
Intero 18,00 – Ridotto scuole danza 14,00
MAGGIORI INFO:
www.centroartedanza.it
www.teatridipistoia.it

Elena Mazzoni Wagner