Tales from a town called Blackburn

BLACKBURN Attraverso memorie e riflessioni, le storie associate a tre edifici abbandonati e alle loro controparti moderne sono utilizzate per osservare ciò che unisce e divide le persone di questa città industriale del nord dell’Inghilterra. Dalla Brexit alla questione etnica, dall’industria all’invecchiamento, a volte divertente, a volte toccante, sempre coinvolgente. Un documentario di 15 minuti commissionato dall’Arts Council e diretto dal premiato regista londinese Liam Saint-Pierre (originario di Blackburn).

Somewhere (Ailleurs) by Mélody Boulissière

SEETIES Soffrendo di febbre del consumo, un giovane inizia un viaggio verso la fine del mondo… Una storia fatta di pittura su vetro e collage. Un cortometraggio di 6 minuti della francese, regista d’animazione, Mélody Boulissière (Mélo per gli amici). Assolutamente da guardare!

The Tables by Jon Bunning

NEW YORK Uno sguardo alla potente connessione tra un paio di tavoli da ping pong all’aperto, nel cuore di New York City, e l’improbabile gruppo di persone che questi hanno riunito, da senzatetto a banchieri d’investimenti a membri di qualche gang. Pioggia o sole, loro saranno lì. A “i tavoli” (The Tables). Un bellissimo documentario di 15 minuti firmato da Jon Bunning, filmmaker e art director di base a Brooklyn, NY. Guarda qui il cortometraggio!

BRASIL IMPOSSÍVEL

BRASILE, ti voglio così tanto ma ho paura. Ti amo, ti desidero, ma ti odio nel profondo. Non riesco a vedere il meraviglioso futuro che vedo con te. Con detriti e traumi hai creato questo maledetto paradiso. Non so più se il mio cuore può sopportarti ancora. Mio Brasile Impossibile. – Un intenso breve video diretto da Fabrício Brambatti // Urso Morto e prodotto da Iconoclast Brazil

Processed with VSCO with au5 preset

CANADA Amiamo le “Seeties” ma amiamo anche la Natura e vogliamo mostrarvi questo video timelapse realizzato nelle terre selvagge canadesi e filmato da Florian Nick: “Realizzando questo progetto, voglio sensibilizzare sul nostro meraviglioso pianeta Terra di cui abbiamo il privilegio di essere parte. Sul motivo per cui dobbiamo assumerci la responsabilità di tutto questo – del posto in cui viviamo”.