"Eiffel, Eiffel" - photo taken @ Musée d'Art Moderne de la Ville de Paris (December 2017) by Elena Mazzoni Wagner. | The painting on the right is "La Tour Eiffel" (1926) by Robert Delaunay.

PARIS without its Tour Eiffel. Impossible even to imagine, today. But if some French intellectuals would have won their battle, the Iron Lady (Dame de Fer) might have survived for maybe just twenty years or maybe less. The French originally hated it. If not all, certainly an important group of high-profile artists, thinkers and creatives who signed a petition to protest against the tower during its construction. They expressed all their hate towards this “useless” and “monstrous” monument with a love letter to their City of Lights (Ville Lumière) and finesse, published on Valentine’s Day 1887.

PALERMO “Why her? Why give her a space? Some people thought I was looking for a space to show my photos but here you won’t see my works. The ambition is much higher. I want to see others grow, I want to discover talents and cultivate them. And so what you will see won’t be my photos but, near the door of my studio, a red neon made by Riccardo Gueci: picchì idda?”

PRATO Ci piace tantissimo questa frase di Jane Jacobs: “Old ideas can sometimes use new buildings. New ideas must use old buildings.” – tradotta in Italiano: “Le vecchie idee possono talvolta utilizzare nuovi edifici. Le nuove idee devono utilizzare vecchi edifici.” – e ci è tornata in mente lo scorso weekend, a Prato, dove abbiamo scoperto che esiste un gruppo di attiviste (ci piace chiamarle così e ci piace pure che siano quattro giovani donne) che utilizza le vecchie fabbriche della città, in particolare quelle in stato di abbandono, per coinvolgere la comunità in un dialogo e confronto tra storia e presente, attraverso linguaggi contemporanei e universali (come l’arte) che possono attrarre un pubblico anche da lontano, e immaginare per questi luoghi, oggi in disuso, una nuova vita, un futuro. #CCTravellers for TAI 2017

PALERMO è la sua città e lei è la sua Battaglia, Letizia Battaglia. La fotografa (non solo) della mafia, oggi 82enne, continua a lottare e a cambiare le cose. Con coraggio, libertà e passione. Ancora un gesto d’amore, il Centro Internazionale di Fotografia nei Cantieri Culturali alla Zisa. Che non vediamo l’ora di visitare! Intanto, abbiamo visto la sua mostra al Museo MAXXI (Roma) e qui proviamo a raccontarvi questa grande donna, questa grande persona.