ARTIGIANATO e PALAZZO – XXIV edizione dal 17 al 20 Maggio 2018

ARTIGIANATO E PALAZZO - XXIV edizione - IG - CCT
Artigianato & Palazzo 2018

FIRENZE, dal 17 al 20 Maggio 2018

La Mostra “ARTIGIANATO e PALAZZO | botteghe artigiane e loro committenze” – che si terrà dal 17 al 20 Maggio 2018 al Giardino Corsini a Firenze – è giunta alla XXIV edizione: nata nel 1995 da un’idea di Neri Torrigiani e promossa dalla principessa Giorgiana Corsini, ha l’obiettivo di rivalutare la figura dell’artigiano e del suo lavoro, basato su passione, qualità e tecnica, avvicinandolo al mondo contemporaneo e quotidiano. 

Dal 2014, in occasione del Ventennale di ARTIGIANATO e PALAZZO, si ripete anche l’iniziativa dedicata al mondo più giovane e digitale: “BLOGS & CRAFTS | i giovani artigiani e il web” è un progetto pensato per le nuove generazioni, con uno sguardo rivolto quindi al futuro e al connubio tra tradizione e innovazione. Anche quest’anno sarà dedicata un’intera area espositiva, all’interno della Mostra, a 10 artigiani under 35 selezionati da una Giuria, i quali, grazie alla Fondazione Ferragamo avranno anche l’opportunità di visitare l’Archivio custode della tradizione dell’azienda e di quella artigianalità tanto cara al fondatore della maison nota in tutto il mondo. Il progetto vuole inoltre ribadire quanto sia fondamentale “saper comunicare” il “saper fare” per promuovere gli artigiani italiani nel mercato globale: motivo per cui, oltre a loro, sono invitati anche 10 blogger (ospitati da STARHOTELS) che si occupano in particolare di artigianato, lifestyle, moda, cultura e turismo. 

Quest’anno, tra i dieci blogger invitati a raccontare l’appuntamento annuale più importante in Toscana per chi ama l’artigianato, l’arte del saper fare, l’unicità dei prodotti fatti a mano, la tradizione che si rinnova, il Made in Italy (quello vero e autentico), anche la nostra Cristina Soldano: ancora una volta CCTraveller, condividerà la sua esperienza ed esplorerà l’evento in ogni suo angolo per raccontare poi sulla nostra web guidezine [www.cct-seecity.com] i luoghi e le persone che lo rendono da ventiquattro anni un incontro così affascinante, sempre ricco di nuovi stimoli, tra artigiani e pubblico. Se siete curiosi, seguitela e seguiteci su Instagram – @CristinaSoldano | @CCTseecity – per scoprire tutto in anteprima e vedere cosa accade nelle temporanee botteghe e retrobotteghe allestite nel magnifico Giardino Corsini! 😉 

ARTIGIANATO E PALAZZO - XXIV edizione - IG - CCT

Grazie alla collaborazione con Barberino Designer Outlet, che sostiene Blogs&Crafts 2018, ai blogger selezionati sarà dedicata un’intera giornata alla scoperta dell’Outlet sabato 19 maggio. Grazie invece alla collaborazione con SOURCE, Design & Networking Agency che mette in connessione giovani talenti con il mondo della produzione e delle imprese, una commissione ad hoc selezionerà durante ARTIGIANATO e PALAZZO uno dei n. 10 artigiani under 35 che più si avvicinerà al tema sostenibilità e tecnologia, assegnandogli il “Premio SOURCE” che prevede la possibilità di esporre il proprio prodotto durante l’evento previsto per l’edizione 2019 del Fuorisalone di Milano.


La Mostra e Gli Artigiani

Gli espositori di ARTIGIANATO e PALAZZO sono da sempre chiamati a dimostrare dal vivo le varie tecniche di lavorazione. Infatti, lungo l’itinerario espositivo, nei piccoli laboratori ricostruiti nel Giardino e nelle Limonaie, il visitatore non solo conosce i prodotti ma scopre anche come l’artigiano li crei manualmente. Ogni anno, sono selezionati e invitati circa un centinaio di artigiani provenienti soprattutto dalla Toscana ma anche da altre parti d’Italia e dall’estero. La Mostra stimola insieme ai suoi protagonisti un approfondimento sulle “arti applicate”, con l’intento di avvicinarle sempre più alla nostra quotidianità. Inoltre, all’interno della manifestazione, viene sempre proposta una “Mostra Principe” con la presenza di una realtà commerciale ma anche culturale che, iniziando come attività artigianale, ha ottenuto un successo internazionale. Una “mostra nella mostra” quindi che illustra un particolare percorso creativo dimostrando come l’artigianato possa arrivare lontano. 

Quest’anno, per l’edizione 2018, è dedicata alla Manifattura della porcellana Richard Ginori, la cui storia è legata anche alla raccolta fondi per la riapertura del Museo di Doccia, recentemente acquistato dal MiBACT. | Vedi di seguito… *

artigianato e palazzo - mani

artigianato-e-palazzo

Accessori, Alta Gastronomia, Arte e Decorazione, Casa e Giardino, Design e Oggettistica, Moda e Tessuti, Oreficeria e Bigiotteria, Profumi e Essenze. Per farvi un’idea dei prodotti che troverete alla Mostra, affacciatevi intanto a questa vetrina digitale: www.artigianatoepalazzo.it/raccolta/ | Qui invece trovate l’elenco degli espositori 2018: www.artigianatoepalazzo.it/espositori/


Il Giardino Corsini

La facciata di uno dei palazzi lungo quello che era noto come il Prato di Ognissanti nasconde uno dei giardini più affascinanti di Firenze. Nel 1591 Alessandro Acciaiuoli, acquistato un terreno sul Prato d’Ognissanti, chiese a Bernardo Buontalenti di progettare un “casino di delizie” con un grande giardino. Buontalenti realizzò il complesso impianto idraulico per condurre l’acqua alle fontane, con i tracciati per i percorsi delimitati da rare e sontuose spalliere di cedri, la loggia e le grandi finestre inginocchiate, che anche oggi vediamo. Ai tempi vi erano nel giardino le famose “quattro stagioni” che si trovano ora ai due capi del ponte Santa Trinital’Estate e l’Autunno di Giovanni Caccinila Primavera di Pietro Francavilla e l’Inverno di Cristofano Stati. Un’altra importante scultura fece parte dell’arredo del giardino Acciaiuoli, il Bacco del Giambologna, oggi al Bargello.

Palazzo-Corsini

Acquistata la proprietà nel 1620 da Filippo e Maddalena Corsini dopo il fallimento degli Acciaiuoli, questi diedero l’incarico di completare il casino a Gherardo Silvani che intervenne anche sull’assetto del giardino. L’opera del Silvani si intuisce in alcuni particolari degli ambienti terreni, quali le decorazioni nelle modanature architettoniche. È nella parte del giardino all’italiana comunque, delimitato dalle grandi limonaie, con le aiuole geometriche dal raffinato disegno, le siepi di bosso, le conche dei limoni e il viale centrale con le statue, che si manifesta chiaramente il gusto barocco dell’architetto, la sua propensione alla scenografia. Per aumentare l’impressione di maggiore lunghezza e profondità del viale l’architetto usò l’artificio di porre le statue e i rispettivi piedistalli ad altezze via via degradanti, ponendo il punto di vista principale dal loggiato posteriore dell’edificio verso via della Scala, come dimostrano il putto e i due leoni, al di sopra del cancello e dei pilastri laterali rivolti verso l’interno.

Giardino Corsini - giardino all'italiana

Nel 1834 questa residenza viene destinata ad abitazione di don Neri Corsini e di sua moglie, i quali commissionarono lavori sia di carattere architettonico che decorativo. Negli stessi anni anche il giardino subisce delle modifiche in chiave romantica: si creano dei boschetti, una montagnola e un laghetto, una trasformazione che è ancora oggi leggibile nelle due masse boscose che chiudono come quinte verdi il giardino. Più recentemente il giardino con la sua fioritura primaverile di cisto rosa e rosso, di lavanda, rose, peonie e ciliegi da fiore, è stato oggetto di un intervento di sistemazione da parte di Oliva di Collobiano.

Indirizzo: via della Scala 115 – Firenze


Una raccolta fondi per il Museo di Doccia, la più importante testimonianza manifatturiera della porcellana italiana

Quest’anno, la XXIV edizione di ARTIGIANATO e PALAZZO sostiene un’iniziativa importante: la riapertura del Museo di Doccia che vedrà coinvolto il pubblico e le aziende sostenitrici della manifestazione.

museo-richard-ginori-doccia-artigianato-e-palazzo

“Nel nostro piccolo vogliamo contribuire a tenere alta l’attenzione perché il Museo di Doccia venga presto riaperto per ricordare al mondo da dove ha inizio il Made in Italy”, hanno dichiarato Giorgiana Corsini e Neri Torrigiani, mecenati del settore artigiano da almeno ventiquattro anni attraverso l’organizzazione della mostra ARTIGIANATO e PALAZZO – promossa dall’Associazione culturale Giardino Corsini, che ogni anno riunisce ogni anno circa 100 artigiani chiamati a mostrare dal vivo le varie tecniche di lavorazione nelle quali eccellono”. Un’attività di valorizzazione delle eccellenze artistiche svolta nel tempo anche a sostegno ed in collaborazione con alcune prestigiose istituzioni, come la Galleria del Costume di Palazzo Pitti, il Museo “La Specola”, l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, il Museo della Ceramica di Montelupo Fiorentino, etc…

Il Museo di Doccia, recentemente acquistato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, può rappresentare un nuovo simbolo, quello di una rinnovata stagione della tradizione artigianale italiana. Così è nato il progetto di una grande raccolta fondi dedicata all’Associazione Amici di Doccia, affinché una collezione di valore inestimabile, come quella del Museo Richard-Ginori della Manifattura di Doccia, possa tornare ad essere fruibile al grande pubblico: 8.000 opere in porcellana, ceramica, maiolica, terracotta, piombo; oltre 13.000 tra disegni, lastre di metallo incise, pietre cromolitografiche, modelli in gesso, sculture in cera.

Un motivo in più per partecipare ad ARTIGIANATO e PALAZZO 2018! Ci vediamo qui 😉 


Maggiori info: www.artigianatoepalazzo.it


Ed ecco il nostro racconto!

Artigianato e Palazzo, la magia e le storie dei maestri artigiani