Metti un sabato pomeriggio a San Josè

16 marzo, 2012 1 comment

Margaux Morganti

San José, Costa Rica

Uscendo dalla residenza dell’ambasciata italiana si ha come l’impressione di varcare uno dei gironi descritti da Dante: il passaggio netto da un mondo (quello incantato, europeo) a un altro (quello reale, del centroamerica). Ci rechiamo alla fermata dell’autobus e per sicurezza il guardiano della residenza punta la telecamera su di noi: non di rado è accaduto ad altri “pasantes” (così gli indigeni chiamano i tirocinanti delle varie ambasciate) di essere assaliti e derubati proprio in attesa della corriera. Saliamo sul mezzo che reca l’indicazione “Concepcion de Tres Rios”; non sembra vero, come tante altre situazioni già vissute in meno di ventiquattro ore dal nostro arrivo; o magari è la nostra vita europea a non essere quella vera e questa in cui ci siamo come d’improvviso risvegliate è la “pura vida”: passeggeri stipati proprio come nei film ambientati nel centroamerica. Arriviamo al capolinea e scendiamo. Iniziamo a percorrere l’Avenida Central, spettacolo di colori vivi e miscellanea di persone, tutte rigorosamente con il sorriso e la gioia sul volto. Ai lati dalla via principale, i negozi locali si alternano ai classici fast food, che la globalizzazione ha portato anche qui.

This SimpleViewer gallery requires Macromedia Flash. Please open this post in your browser or get Macromedia Flash here.
This is a WPSimpleViewerGallery

Full Screen

Arriviamo all’entrata del Mercado Central e incuriosite entriamo; si apre così davanti a noi una città nella città: dai baracchini che vendono pillole e prodotti che promettono miracoli nella perdita del peso, a banchi di pesce fresco e carne della migliore qualità. Dopo tanto vagare ci fermiamo; decidiamo di pranzare in uno dei tipici casottini del mercato dall’aspetto molto spartano. Coraggiosamente ordiniamo gallo pinto (il piatto tipico per eccellenza) e una sopa de mariscos (zuppa di pesce). Un successo. Giunto il momento di tornare in residenza (qua fa buio già verso le sei della sera) ci accingiamo alla fermata dell’autobus: una fila quasi chilometrica di persone in attesa della corriera ci lascia basite, e non resta che esclamare “que Dios nos acompañe”. Forse impietositi dalla nostra faccia desolata, una coppia di giovanissimi ticos (i costaricensi si chiamano così) ci lascia passare e riusciamo a prendere il primo autobus. Il bus arranca nelle salite, ma ci porta a destinazione. Un po’ di vita reale non guasta per apprezzare quello che è il nostro mondo privilegiato.

“Costa Rica, Pocas Casas, Pura Vida” cantanto gli Ex-Otago

Related Posts

  • Oigres

    estupendo!!